Master Il Pianeta dei Chetoni - Livello Avanzato

Prezzo

149.00

  • Introduzione
  • Atleti e Soccombenti
  • Sovrappeso e Obesità
  • Malattie Infettive
  • Facoltà Cognitive
  • Invecchiamento e Alzheimer
  • Epilessia e Aritmie
  • Cancro
  • Se non ci siamo estinti durante i milioni di anni del Paleolitico, è grazie ai chetoni
  • Le proteine, i grassi animali di qualità e i chetoni, erano il substrato energetico chiave durante tutta la preistoria e il Paleolitico
  • A partire dalla Rivoluzione Agricola del Neolitico, i nostri antenati delle grandi Civiltà Fluviali (Egitto, Mesopotamia, Indo, Fiume Giallo) hanno scelto uno stile nutrizionale dominato dall’imperialismo di 3 cereali chiave: il frumento in Europa, il riso in Asia e il mais nelle Americhe
  • Le nostre cellule non sono adattate a utilizzare gli zuccheri come substrato energetico chiave
  • In particolare il cervello, il cuore e i muscoli utilizzano in modo molto più efficace gli acidi grassi
  • Il cervello, durante uno Stile di Vita Chetogenico, il digiuno prolungato (più di 3 giorni) e un esercizio fisico  di endurance, privilegia i chetoni rispetto al glucosio come substrato energetico
  • I Chetoni aumentano le prestazioni fisiche, cognitive e le percezioni sensoriali in modo impressionante
  •  In particolare il DBHB è la molecola chiave alla base delle tecniche di Bioacking del Ventunesimo secolo
  • Entrare in Stato Chetogenico Fisiologico è difficile, e proprio per questa ragione la disponibilità di Chetoni Esogeni è un affascinante passo avanti
  • I Chetoni Esogeni, associati a uno Stile di Vita Chetogenico, ci permettono di scoprire talenti e potenzialità di cui siamo dotati e che l’eccessivo consumo di zuccheri ha impedito per migliaia di anni di emergere

Sintesi dei Moduli:

Introduzione (1 Video 37:51)

Indicazioni principali dei Chetoni Endogeni e Esogeni

  1. Miglioramento dell prestazioni fisiche (Atleti e Soccombenti)
  2. Riduzione dell’appetito e contributo alla perdita di peso (Sovrappeso e Obesità)
  3. Modulazione della risposta infiammatoria e immunitaria alle Malattie Infettive (Malattie Infettive & Infiammatorie)
  4. Miglioramento delle Percezioni sensoriali e delle Facoltà cognitive (Facoltà Cognitive)
  5. Rallentamento dell’invecchiamento e prevenzione delle patologie associate all’età (Invecchiamento & Alzheimer)
  6. Prevenzione e terapia dell’epilessia – anche refrattaria alle terapie farmacologiche – e delle aritmie (Epilessia & Aritmie)
  7. Prevenzione e Terapia Metabolica del Cancro

Atleti e Soccombenti (4 Video 46:20 47:25 31:17 26:17)

L’uomo non è un calorimetro o una locomotiva a vapore – modelli energetici a un compartimento – ma una macchina ibrida dotata di due sistemi metabolici:

  • Vie del metabolismo del glucosio
  • Vie del metabolismo dei grassi e dei chetoni

Gli uomini sono dei cacciatori e dei maratoneti nati, le donne sono delle ricercatrici, delle cuoche e delle grandi esperte delle pratiche di cura

Nei  milioni di anni della Preistoria e del Paleolitico, il nostro corpo si è adattato a utilizzare le proteine e i grassi animali di qualità come substrato energetico ottimale

Durante il periodo Paleolitico e le Ere Glaciali, ci siamo abituati a sopravvivere e a eccellere durante periodi prolungati di digiuno, grazie alla chetosi endogena fisiologica

Se non ci siamo estinti è grazie ai chetoni

I chetoni entrano in gioco in tutte le situazioni in cui cerchiamo di superare i limiti delle nostre prestazioni, come nelle corse di endurance, le scalate (la death zone dell’Everest), tutte le gare sportive e le sfide professionali

Nel Ventunesimo secolo assistiamo al tramonto della Pseudo-scienza della Fisiologia dello Sport, finanziata dai Ministeri della Difesa per migliorare le prestazioni del soldato medio, e alla nascita di una Nuova Fisiologia dell’Attività Fisica e dello Sport finalizzata a fare emergere le potenzialità nascoste in molti di noi e che gli zuccheri hanno finora soffocato

Sovrappeso e Obesità (3 Video 53:11 40:08 27:23)

In tutti i paesi industrializzati è in corso una spaventosa epidemia di sovrappeso e obesità che ha iniziato una impennata esponenziale con le Linee Guida per la Nutrizione e le scelte dei governi e delle industrie alimentari a partire dagli anni attorno al 1990 (Neoliberismo)

Noi non siamo adattati allo tsunami di zuccheri, fruttosio e derivati della soia transgenica che si è riversato sulle nostre tavole negli ultimi anni

Oggi una percentuale variabile e crescente di resistenza insulinica (dal 60 al 90% nei pesi industrializzati) causa un aumento esponenziale di tutte le malattie croniche che caratterizzano il Ventunesimo secolo

Lo stile di vita Low-Carb, meglio ancora lo Stile di Vita Chetogenico-Pro sono in grado di bloccare questo trend inquietante, che manderà in default i servizi sanitari di molti governi

I chetoni sono un carburante alternativo e ottimale rispetto agli zuccheri

Essi favoriscono il ripristino delle risposte dell’insulina

Proteine, grassi e chetoni inibiscono l’appetito

Gli zuccheri creano una vera e propria dipendenza dall’ingestione di quantità crescenti di zuccheri

Malattie Infettive & Infiammatorie (1 Video 34:41)

Il tessuto adiposo viscerale che caratterizza il sovrappeso e l’obesità del Ventunesimo secolo è un organo endocrino che produce continuamente citochine (mediatori dell’infiammazione) e causa una infiammazione cronica che non si spegne mai

I salsicciotti di grasso all’altezza della cintola, nel fegato e nei visceri, sono come un fuoco che brucia sotto le ceneri e ci uccidono a fuoco lento, senza che ce ne rendiamo conto (silent killer)

I chetoni endogeni e esogeni sono dei potenti modulatori della risposta infiammatoria e di conseguenza essi sono indicati in tutte le malattie a patogenesi traumatica, infiammatoria, infettiva e immunitaria

Tutti i microbi (virus, Archea, Batteri e Parassiti) si nutrono esclusivamente di zuccheri e glutammina, di conseguenza se mangi montagne di zuccheri (pane, pasta, pizza, fruttosio, birra e derivati della soia) amplifichi il processo infettivo

Un esempio didattico è l’attuale epidemia di Coronavirus!

Facoltà Cognitive (1 Video 42:55)

Molti ricercatori, tra cui Richard Veech e Mark Mattson, hanno dimostrato che il cervello funziona meglio durante il digiuno prolungato, l’esercizio fisico intenso e protratto e quando affrontiamo le sfide della vita

I chetoni endogeni ed esogeni amplificano le percezioni sensoriali e migliorano la memoria e tutte le funzioni cognitive

Mangiare zuccheri prima di un esame o di una sfida è un errore metabolico e nutrizionale

Invecchiamento e Alzheimer (1 Video 54:54)

Mark Mattson – il Neuroscienziato della John Hopkins University – coordinatore delle ricerche sull’invecchiamento degli USA, ha dimostrato che i chetoni rallentano l’invecchiamento e migliorano le prestazioni fisiche e cognitive delle persone anziane

Ancora una volta, il cervello utilizza gli zuccheri solo come regolatori della centralina metabolica, ma preferisce di gran lunga i chetoni, il lattato e gli acidi grassi a catena corta e media come substrato energetico

Epilessia e Aritmie (1 Video 22:55)

Storicamente il digiuno e i chetoni esogeni sono stati utilizzati nella pratica medica per la prevenzione e terapia delle crisi epilettiche resistenti alla terapia farmacologica

Le Diete Chetogeniche utilizzate per questa indicazione prescrivono una percentuale altissima di grassi (fino a 80-90%) e sono associate a importanti effetti collaterali; esse sono utilizzate spesso nei bambini in cui migliorano la qualità della vita e sono più efficaci

I chetoni esogeni, anche in quantità elevate (100-120 grammi al giorno), sono utilizzati con successo nelle rare malattie metaboliche caratterizzate dall’incapacità di utilizzare il glucosio

Il meccanismo di regolazione metabolica dell’eccitabilità cellulare, rende i chetoni uno strumento promettente per prevenire e curare le aritmie, per esempio la fibrillazione striale cronica, che è l’aritmia più frequente dopo i 50 anni di età

Cancro (1 Video 16:12)

Otto Warburg, già negli anni 1930 era convinto di aver scoperto che il Cancro è una malattia metabolica, in cui le cellule non utilizzano i mitocondri per bruciare i grassi e produrre chetoni, ma sono in grado di bruciare solo grassi e glutammina, come i microbi nostri antenati (regressione filogenetica e ontogenetica)

Di conseguenza, l’ingestione di zuccheri aumenta l’incidenza e accelera la progressione dei tumori di qualunque eziologia specifica e lo Stile di Vita Chetogenico è uno stile molto efficace di prevenzione, di rallentamento della progressione e di ritardo delle metastasi